IL CAVALLO ROSSO di Eugenio Corti

IL CAVALLO ROSSO di Eugenio Corti
Voto da 1 a 5 ( 5 e Lode – Ottimo con Lode )
Saga familiare e romanzo storico nello stesso tempo. Gli avvenimenti della famiglia Riva iniziano da Maggio 1940 fino ad arrivare al referendum sul divorzio. Interessanti e fuori dal coro le interpretazioni storiche raccontate sempre con estrema pacatezza e questo a mio avviso è un
pregio sempre più raro.
Si tratta di un libro importante di oltre 1200 pagine , ma si legge bene perché scritto con semplicità e con lo scorrere delle pagine diventa sempre più avvincente.

Ho scoperto il libro grazie a questa bellissima recensione di Unter Bahn trovata in questo gruppo di lettori su FB https://www.facebook.com/groups/523172937735959/

IL CAVALLO ROSSO – EUGENIO CORTI 

Opera notevole (1200 pagine)
Se dovessi stilare una lista dei 10 libri più belli che abbia letto fin’ora, il romanzo di Corti rientrerebbe sicuramente nelle primissime postazioni. A parte l’intreccio gestito magistralmente, il lettore si ritrova a conoscere personaggi che crescono e maturano durante il dipanarsi delle vicende narrate. Semplici ragazzi brianzoli che si trasformano in uomini e donne nel dramma della guerra e di una società che vive profondi sconvolgimenti (come il ’68). Così Ambrogio Riva, Michele Tintori, Almina, Fanny, Manno e tutti gli altri innumerevoli protagonisti accompagnano il lettore in un viaggio umano alla scoperta di sé e della vita. E, se posso ardire un paragone, proprio come il Manzoni, Eugenio Corti ha una visione profondamente cristiana della realtà, che lo spinge ad interrogarsi sul ruolo della Provvidenza nel guidare la storia. E’ proprio vero che la storia è solo nelle mani dell’uomo, che la realtà non ha senso, che l’assurdo del male ha la parola definitiva? Insomma: un romanzo di vita, di amore e di morte in cui l’Autore non si abbandona mai a sciocchi sentimentalismi, falsi buonismi o perbenistici moralismi.
Peccato che Corti sia quasi completamente estromesso dal novero dei grandi artisti del secondo Novecento…(cit)

12662599_1152477348103584_8392454663987277524_n

IL SILENZIO DELL’ARCANGELO di Laura Caputo

IL SILENZIO DELL’ARCANGELO di Laura Caputo
Voto da 1 a 5 ( 5 Ottimo ) 
Per chi ha già letto ”Il castello di San Michele” avrà una ulteriore conferma della bravura di Laura Caputo. Chi scoprirà Laura con questo libro invece correrà subito in libreria a prendersi anche il precedente, ne sono sicuro.
Il romanzo ci fa conoscere una realtà del nostro paese intrisa di corruzione tra camorra politica e istituzioni. Tutto questo in modo pacato senza urlare a differenza di tanti altri e con uno stile di scrittura inconfondibile.

577381_748639098487413_2034843921_n

 

MALEDETTI TOSCANI di Curzio Malaparte

MALEDETTI TOSCANI di Curzio Malaparte
Voto da 1 a 5 ( 5 Ottimo )
Sarà vero che i toscani e la Toscana hanno qualcosa in più !!!
°°°°°°Il commento l’ho rubato a Sauro Scarpelli (mi piaceva troppo). Più che un libro, un atto d’amore alla sua Terra. Tenero, incondizionato, romantico, ironico, sbruffone, sagace, proprio come l’indole di noi toscani. Scritto da un autore in esilio, che ricorda con graffiante ironia e incancellabile nostalgia i tratti caratteristici della sua gente. Forse chi non è toscano non potrà capire fino in fondo l’affetto travolgente che pervade queste pagine, ma alcune di esse sono pura poesia, da leggere tutte d’un fiato.

1044024_731328290218494_1930001028_n